TESTI

SIRENE / VERTIGINE / DALL’ALBA AL TRAMONTO

Ho perso tutto
Ho perso un po’ di me
Su una strada irragionevole
Andare in giro a cercarmi negli altri
E non trovare un cuore assomigliarmi

Poi ho dato tutto
Ho dato tutto a te
Senza gloria
E senza remore
Ci siamo stretti negli occhi
Negli anni, le mani
Perché non sei qui a tenermi?

Che io non so più ridere
Ché tu mi manchi più di me

Ed io rimango qui
Io rimango qui
Che ho ancora il cuore in mano
Prendetene e mangiatene tutti
Sì dai tutti, esageriamo!

Ho fatto un tuffo
che vertigine!
Mi hai spinto via dentro le lacrime
Un vuoto al petto
La vetta
L’asfalto
Mani in alto
Le parole sono armi.

E mi scappa da ridere
Ché tu mi manchi più di me

Ed io rimango qui
Io rimango qui
Che ho ancora il cuore in mano
Prendetene e mangiatene tutti
Sì dai tutti, esageriamo!
Io rimango qui
Io rimango qui
Che non ho ancora paura
Di dare via la pelle, vivere come stelle, vivere per me.

Ed io rimango qui
Io rimango qui
Con questo cuore in mano
Lasciatemene un grammo
Il resto è vostro però non esageriamo!

Io rimango qui
Io rimango qui
Che non ho ancora paura
Di dare via la pelle, vivere come stelle, vivere per me.

Ricordi?
Andavamo dentro al vento
Mentre in mano stringevamo sogni
Solo pochi soldi
Le notti a cercare buone stelle
E ritrovarsi in mezzo a strane sorti
Quanto siamo storti?

Mi porti sulla strada verso il mare?
Se va male resto a piedi con te
“Mal comune”… com’è?
Incroci il mio sguardo allo specchietto
E poi decidi di non fingere che non è facile

Amore non è tempo di castelli
Stendi i desideri accanto agli ombrelloni chiusi
Sgonfia i tuoi braccioli
Amore dici “sento le sirene”
ma non c’è traccia di mare intorno a noi
Se vuoi facciamo un bagno nella pioggia.

Distanti, quanti metri servono a renderci tristi?
Ma noi siamo amanti… sai ancora abbracciarmi?
Ci pensi alla lista delle cose da rifare quando andremo avanti?
Quando andremo avanti …

Mi porti sulla strada verso il mare?
Se va male resto a casa con te
E non è facile

Amore non è tempo di castelli
Stendi i desideri accanto agli ombrelloni chiusi
Sgonfia i tuoi braccioli
Amore dici “sento le sirene”
ma non c’è traccia di mare intorno a noi
Se vuoi facciamo un bagno nella pioggia.

Amore dici “sento le sirene”
ma non è più come pensi…
Sono Ulisse all’albero maestro,
Neanche oggi esco.

E non ti piacciono i finali
È troppo facile inventarli
Tu aspetti l’alba
Tu aspetti l’alba

E ti concedi ad un inchino
Che l’imbarazzo è grande più di te
Fuggi a chi guarda
Fuggi agli addii
Che non sei in grado tu
Che non finisci il piatto 
Perché nessun fondo è da toccare
Tu… lo sai che nella fine
Ci son tanti inizi da inventare?


E ogni volta che accade
Ogni volta che cado
Ogni volta è da capo
Ogni volta non lo vorrei però…
Ogni volta ho rischiato
Per la gioia di un minuto
E dire d’essere vissuto
Fino al tempo di un saluto
Ogni volta è un tramonto da guardare fino in fondo.

E mi racconti di domani
Non c’è nessuno bravo più di te
A fare l’alba
A fare l’alba di ogni cosa
Tu… lo sai che io alla fine ho i titoli di coda da guardare.

E ogni volta che accade
Ogni volta che cado
Ogni volta è da capo
Ogni volta non lo vorrei però…
Ogni volta ho rischiato
Per la gioia di un minuto
E dire d’essere vissuto
Fino al tempo di un saluto
Siamo tutti un tramonto da guardare fino in fondo.

E ogni volta che accade
Ogni volta che cado
Ogni volta è da capo
Ogni volta non lo vorrei però…
Ogni volta ho rischiato
Per la gioia di un minuto
E dire d’essere vissuto
Fino al tempo di un saluto
Siamo tutti un tramonto da guardare fino in fondo.

MAGMAMEMORIA

Non era vero
Tu non muori mai
Tu non muori mai
Sei dentro di me
Come le vele spiegate dal vento
Spiegami perché ti aggrappi al ventre

Non era vero
Tu non muori mai
Tu non muori mai
Sei dentro di me
Navighi i mari della memoria
Riporti a galla il mio petto
Brucia ancora

Ancora gettata in fondo a me
Scardini le mie certezze
E ora che ritorni che farò?

Ho più ricordi che giorni di vita ad aspettarmi
Sei tu il passato che non è mai andato e mai mi lascerà.

Non era vero
Tu non muori mai
Tu non muori mai
Sei dentro di me
Corri veloce come il presente
Sei di domani
Sei nel per sempre

Non era vero
Tu non muori mai
Tu non muori mai
Sei dentro di me
Cremisi agli occhi
Dei giorni di gloria
Ecco il tuo nome
Ti chiamerai
MAGMAMEMORIA

Lava incandescente dentro me
Lavi via le mie speranze
E ora che mi avvolgi che farò?

Ho più ricordi che giorni di vita ad aspettarmi
Sei tu il passato che non è mai andato e mai mi lascerà.

CIAO TU, ANIMALE STANCO
SEI RIMASTO DA SOLO
NON SEGUI IL BRANCO
BALLI IL TANGO MENTRE TUTTO IL MONDO
MUOVE IL FIANCO SOPRA UN TEMPO CHE FA
TIKIBOMBOMBOM

HEY TU, ANIMA INDIFESA
CONTI TUTTE LE VOLTE IN CUI TI SEI ARRESA
STESA AL FILO TESO DELLE ALTRE OPINIONI
TI AGITI NEL VENTO
DI CHI NON HA EMOZIONI

MAI PIÙ, È MEGLIO SOLI CHE ACCOMPAGNATI
DA ANIME SENZA SOGNI PRONTE A PORTARTI CON SÉ, GIÙ CON SÉ.
LAGGIÙ, TRA CANI E PORCI,
FIGLI DI UN DIO MINORE PRONTI A COLPIRCI
PER PORTARCI GIÙ CON SÉ, GIÙ CON SÉ.

NOI, SIAMO LUCI DI UN’ALTRA CITTÀ
SIAMO IL VENTO E NON LA BANDIERA, SIAMO NOI.
NOI, SIAMO GLI ULTIMI DELLA FILA
SIAMO TERRE MAI VISTE PRIMA, SOLO NOI

CIAO TU, FREAK DELLA CLASSE
“FEMMINUCCIA” VESTITO CON QUEGLI STRASS
PROVA A FARE IL MASCHIO
TI PREGO INSISTO
FATTI IL SEGNO DELLA CROCE E POI
RINUNCIA A MEFISTO

HEY TU, ANIMA IN RIVOLTA
QUESTA VITA DI TE NON SI È MAI ACCORTA
COLTA DI SORPRESA, TROPPO COLTA
TROPPO ASSORTA, QUELLA GONNA È CORTA

MAI PIÙ, È MEGLIO SOLI CHE ACCOMPAGNATI
DA ANIME SENZA SOGNI PRONTE A PORTARTI CON SÉ, GIÙ CON SÉ.

NOI, SIAMO LUCI DI UN’ALTRA CITTÀ
SIAMO IL VENTO E NON LA BANDIERA, SIAMO NOI.
NOI, SIAMO GLI ULTIMI DELLA FILA
SIAMO TERRE MAI VISTE PRIMA, SOLO NOI

NOI SIAMO ANGELI ROTTI A METÀ
SIAMO CHIESE APERTE A TARDA SERA, SIAMO NOI.

NOI, SIAMO LUCI DI UN’ALTRA CITTÀ
SIAMO IL VENTO E NON LA BANDIERA, SIAMO NOI.
NOI, SIAMO GLI ULTIMI DELLA FILA
SIAMO TERRE MAI VISTE PRIMA, SOLO NOI
NOI SIAMO L’ANCORA E NON LA VELA
SIAMO L’AMEN DI UNA PREGHIERA, SIAMO NOI.

CIAO TU, ANIMALE STANCO
SEI RIMASTO DA SOLO
NON SEGUI IL BRANCO
BALLI IL TANGO MENTRE TUTTO IL MONDO
MUOVE IL FIANCO SOPRA UN TEMPO CHE FA
TIKIBOMBOMBOM

Con che fiducia avanzo
Un passo dopo l’altro
Se la speranza è appesa a un filo che sembra un cappio
Incappo in un sacchetto
Della tua indifferenza
In fondo a questa strada hanno già perso la pazienza
I corsi di paura, ricorsi della storia
Per trattenerci in una morsa senza memoria
Senza memoria.

Mi muovo in imbarazzo
Nel caldo di dicembre
Si scioglie il mondo ma il tuo pollice non è verde
Ti piace la natura
Ma non sai dare aiuti
Ti va di fare un tuffo in mare ma poi ti rifiuti
Tra i tuoi rifiuti tu ti rifiuti
Poi mi rifiuti, poi ci rifiuti… tutti.

Questo è il futuro che sognavi per te?
Credevi fosse più lontano eh?
Ti senti fuori tempo limite
Contro ogni previsione
Hai perso il desiderio della rivoluzione

Arrestano un ragazzo
Lo uccidono per spaccio
L’involuzione che fa specie trova consenso
La vita è un dono sacro
L’eutanasia è un peccato
Se muore un uomo in mezzo al mare
È solo un immigrato
Si paga pure l’aria
La gente non respira
Mi chiedo ancora quanti sogni devo allo stato
In questo stato

Questo è il futuro che sognavi per te?
Credevi fosse più lontano eh?
Ti senti fuori tempo limite
Contro ogni previsione
Hai perso il desiderio della rivoluzione

Tempi deserti di coraggio
Stavamo bene quando stavamo peggio
Le frasi fatte per parlare
Fare l’amore e non pensare
Tienimi stretta in un abbraccio
Non ho paura se ci andiamo insieme
Del domani mi ripeti che
Andrà tutto bene

Questo è il futuro che sognavi per te?
Credevi fosse più lontano eh?
Ti senti fuori tempo limite
Contro ogni previsione
Hai perso il desiderio della rivoluzione

C’è confusione dentro alle città
Cerco persone e trovo macchine
Numeri uno in tutti i campi
Menti leggendarie e miniere di diamanti
Le cerimonie alla banalità
Se sei mediocre c’è un lavoro per te
L’imitazione dei giganti
Vacillano i ricordi e scrosciano gli applausi

Bravi bravi bravi voi (yeah)
Bravi bravi bravi tutti voi
Ce lo dirà il tempo che questo non è oro
Ma luccica lo stesso
Bravi bravi bravi voi (yeah)
Bravi bravi bravi tutti voi
Ce lo dirà il tempo
Che il grande smarrimento è stato rimanere fermo

Genio Guru Mito Faro Ispiratore o Divinità
Mostrami mostrami la luce che non ho
Santo Eroe Campione
Paladino o Vostra Maestà
Mostrami mostrami la luce che non ho

L’educazione alla loquacità
Parlare tanto senza dire niente
Magie di comunicazione
Fingersi migliori “guarda un gregge di leoni!”
I tempi in cui conta la quantità
I ritmi ai quali non so stare al passo
La descrizione del paesaggio:
L’invasione di approssimatori ha ormai preso coraggio

Bravi bravi bravi voi (yeah)
Bravi bravi bravi tutti voi
Ce lo dirà il tempo che questo non è oro
Ma luccica lo stesso
Bravi bravi bravi voi (yeah)
Bravi bravi bravi tutti voi
Ce lo dirà il tempo
Che il grande smarrimento è stato rimanere fermo

Genio Guru Mito Faro Ispiratore o Divinità
Mostrami mostrami la luce che non ho
Santo Eroe Campione
Paladino o Vostra Maestà
Mostrami mostrami la luce che non ho

Con la matematica ho un rapporto complesso
Sono più portata per la filosofia
Per la somma dei passi che sottraggo dalla strada
Quanto pesa la città se le togli la gente
Quanto tempo resterà se dividi per sempre
Se il passato è un errore ho buttato via l’amore

E ho avuto tutte le notti
Per moltiplicare i sogni
Sistemare i miei pensieri
Archiviare i ricordi dei giorni perfetti
E come nei film
C’è una scena finale dove vado di fretta
La mia vita mi aspetta

Per essere felici in due ci vuole allenamento
Per amare non esiste un corso di aggiornamento
E’ il regno animale questo regno dove
Per essere felici in due ci vuole allenamento
Per amare non esiste una patente speciale
Nel regno animale con te

Con la mia normalità ho un rapporto complesso
Sono come un’isola con un ponte sul resto
Se io fossi un colore sarei quello del mare

E ho avuto tutte le notti
Per moltiplicare i sogni
Ripensare a quel che ero
Archiviare i ricordi dei giorni perfetti
E come nei film
C’è una scena finale dove vado di fretta
La mia vita mi aspetta

Per essere felici in due ci vuole allenamento
Per amare non esiste un corso di aggiornamento
E’ il regno animale questo regno dove
Per essere felici in due ci vuole allenamento
Per amare non esiste una patente speciale
Nel regno animale con te

Per essere completi in due

Proverò a capire
Provo già a capirti da un po’
Se è stato vero quel che è stato
Se siamo stati mai reali
Poi sarà domani
So che ti dimenticherò
Tra le finestre delle case
E Il ghiaccio sciolto sulle strade
Per scivolare ancora giù

E sembra sempre che ti chieda i miracoli
E dell’amore non conosci più i sintomi
E mi confondi con il peggio di te
Solo il peggio di te
E sembra sempre sia una corsa ad ostacoli
Se ti rincorro e cado senza mai prenderti
E non mi stanco ancora
Voglio di te, voglio il meglio di te

Lasciami sentire cosa ti è rimasto in fondo
Tra le macerie del tuo cuore
La luce senza più colore
Fatti attraversare fino a che finisce il mondo
Fino alla fine delle strade, fino alla fine delle stelle
Per ritrovarci un po’ più su

E sembra sempre che ti chieda i miracoli
E dell’amore non conosci più i sintomi
E mi confondi con il peggio di te
Solo il peggio di te
E sembra sempre sia una corsa ad ostacoli
Se ti rincorro e cado senza mai prenderti
E non mi stanco ancora
Voglio di te, voglio il meglio di te

Ora sai che ho rimesso in ordine tra le macerie
Ora sai che ho acceso la luce di tutte le stanze
Ora sai che ho corso veloce e ti ho preso davvero
Ti ho preso sul serio

E sembra sempre che ti chieda i miracoli
E dell’amore non conosci più i sintomi
E mi confondi con il peggio di te
Solo il peggio di te
E sembra sempre sia una corsa ad ostacoli
Se ti rincorro e cado senza mai prenderti
E non mi stanco ancora
Voglio di te, voglio il meglio di te

Chissà se a volte mi pensi un po’
Se ritorni nel passato per portarmi nel futuro
“Addio per sempre” non so dirtelo
Ci penserà la vita a creare le distanze e so
Che questa è l’ultima volta
Giuro è l’ultima volta mentre incrocio le dita e sto mentendo a me stessa
Questa è l’ultima volta che ti dimentico

Ah, se ti lascio andare oltre i miei buchi neri chi ti salverà?
Lanciato nello spazio, missione distruzione e non ritornerai
Eroico cosmonauta, viaggi nelle mie orbite ancora.

Lo sai la notte guardo ancora il blu
Che la luna non si arrende e mi fa pensare solo a te
Che ritorni ogni volta
Ma giuro è l’ultima volta mentre piovo a dirotto
E non credo a me stessa
Questa è l’ultima volta che ti dimentico

Ah, se ti lascio andare oltre i miei buchi neri chi ti salverà?
Lanciato nello spazio, missione distruzione e non ritornerai
Eroico cosmonauta, viaggi nelle mie orbite ancora.

Ti aspetto attraversare il cielo come una stella cadente sul mare
Che non faccia male, più male

Ah, se ti lascio andare oltre i miei buchi neri chi ti salverà?
Lanciato nello spazio, missione distruzione e non ritornerai
Eroico cosmonauta, viaggi nelle mie orbite ancora.

Sei nella mia testa
Sapessi dove l’ho messa
L’ho persa l’ho persa
Sei nelle mie scarpe
Ti pesto in ogni istante
Ma non c’è luogo in cui non sei presente
E questo cuore non mente

Francesco
Il tempo vola quando stiamo insieme
Francesco
E tra le mani solo le preghiere
Francesco
C’è ancora posto lì vicino a te?
Fra poco ti stancherai di sopportare
L’attesa estenuante del mio coraggio

Sei nelle mie tasche
In ogni dove lasci tracce
Anita mia, Anita.
Nella Roma antica
Mi chiedo dove sei finita
Oltre il deserto
O in un bosco
Manchi da che ti conosco

Francesco
Il tempo vola quando stiamo insieme
Francesco
E tra le mani solo le preghiere
Francesco
C’è ancora posto lì vicino a te?
Fra poco ti stancherai di sopportare
L’attesa estenuante del mio coraggio

Se non ti vedo non esisti
Se Non mi vedi non resisti
Se non ti vedo non esisti

Francesco
Il tempo vola quando stiamo insieme
Francesco
E tra le mani solo le preghiere
Francesco
C’è ancora posto lì vicino a te?
Fra poco ti stancherai di sopportare
L’attesa estenuante del mio coraggio

Dove te ne vai quando non mi parli?
Ho scavato un tunnel sotto ai miei piedi
Lungo mille metri di debolezza
Dove te ne vai?
Scrivimi un messaggio
Quando arrivi e sarai abbastanza lontano
Da sorridere della distanza.
Dove te ne vai?
Lo sai che mi ferisce
La smania di rincorrere il tempo
Per vivere un attimo in più di questa vita

Ma tu mi dici
Che è tutto vero
Che è tutto vero
Che è la fine ma non del mondo
Non moriremo, non moriremo
Che ci faccio col tuo ricordo?
Mi ci pulisco il culo, ne farei a meno
A meno che tu non resti qui

Dove te ne vai quando non mi guardi?
Ho trovato in tasca le strette di mano
Che tu non hai mai saputo darmi.
Dove te ne vai?
Parti per Parigi
Settecentosettantasette chilometri
Che non farai mai più a ritroso

E così mi dici
Che è tutto vero
Che è tutto vero
Che è la fine ma non del mondo
Non moriremo, non moriremo
Che ci faccio col tuo ricordo?
Mi ci pulisco il culo, ne farei a meno
A meno che tu non resti qui

A meno che tu non resti qui

Così mi dici che mi vuoi bene,
Che mi vuoi bene
Che è la fine ma non del mondo
Non moriremo, non moriremo
Che ci faccio col tuo ricordo?
Mi ci pulisco il culo, ne farei a meno
A meno che tu non resti qui

Mentre sogno di arrivare a te
Quanta strada devo fare ancora
Abbuffarmi di coraggio
Digerire la paura
Come quando io davanti a te
Con le mani in tasca a fare niente
Ti ho parlato dei miei viaggi
Per sembrare interessante

E per morire adesso
Ho cancellato in un secondo
Ogni mio gesto più profondo
L’ho reso vano dando un bacio a un estraneo
Così ti ho ucciso amore
Ti ho consegnato il tuo dolore
Ed io mi nutrirò del tuo rancore
E tu rinascerai senza perdonarmi mai
Senza perdonarmi

Ho corso a perdifiato per vederti respirare
Per sperare mi sputassi in faccia il cuore
E quanto ho fatto male a questo amore, è vero
Io l’ho ucciso sul serio ed ero fuori di me, ero fuori di me.

Mentre dormi qui di fianco a me
Quanta strada abbiamo fatto ora
Abituarsi alla bellezza
Lo stupore è una memoria
Come quando tu davanti a me
A cercare di cambiar le stelle
Con Saturno nei gemelli
Potrà piovere per sempre

E poi ti ho ucciso amore
Ti ho consegnato il tuo dolore
Ed io mi nutrirò del tuo rancore
E tu rinascerai senza perdonarmi mai, senza perdonarmi

Ho corso a perdifiato per vederti respirare
Per sperare mi sputassi in faccia il cuore
E quanto ho fatto male a questo amore, è vero
Io l’ho ucciso sul serio ed ero fuori di me, ero fuori di me.

Ero fuori di me, di me, di me.

Ah, chi non muore si rivede
Ed io ti vedo ma sei morto già
Alla festa del tuo funerale
Ho detto una preghiera
Per la stronza con cui mi hai confusa
Spero duri ancora
Ne è valsa la pena?
Trema, la tua voce
Mentre mi domandi cosa faccio ora
Metto in ordine dalla A alla Z le tue imperfezioni
Per tenere tutto a mente e non ripetere gli errori
Gli errori
Gli errori

A non rivederci Roma
Rinunciamoci
Via il tuo nome, via ogni traccia di te
Non mi ritroverai più qui
Non c’è più niente ormai qui
Sei di ieri
E ieri eri di sempre

Dai, come ti perdoni in fretta
Se gli errori sono solo tuoi
Mi ricordi che il rancore non è mai servito a niente
E invece è utile a saper distinguere
L’amore dal rumore
Un cuore da un coglione

Milioni di parole
A non rivederci Roma
Rinunciamoci
Via il tuo nome, via ogni traccia di te
Non mi ritroverai più qui
Non c’è più niente ormai qui
Sei di ieri
E ieri eri di sempre

Non è sempre, non è sempre no
Ma capita ogni giorno
Di pensarti e odiarti un po’
Non è sempre non è sempre no
Mi passerà quando l’oceano
Rosso si farà

A non rivederci Roma
Rinunciamoci
Via il tuo nome, via ogni traccia di te
Non mi ritroverai più qui

Non c’è più niente ormai qui
Sei di ieri
E ieri eri di sempre

Antonio lo sai benissimo
Antonio lo sai benissimo
Mi piaci tu
Non ti chiedo “giurami per sempre!”
L’amore non esiste nel futuro prossimo
Sorge al mattino e muore
In questo ciclo cosmico
Niente di più.
Col cuore ho raggiunto il massimo
In una notte di un settembre tragico
Sei stato tu a salvarmi da un tombino cieco
Ora ci vedo bene da così vicino
Lo so non siamo uno, ma due di due è sicuro
Vai avanti tu
Vai avanti tu

Tu, nell’alba che non si dimentica
L’eco infinita che fa un bacio
Quando esplode in una vita vuota
Sembra meravigliosa!
Tu, il battito che non rallenta mai
Quanto rumore fa un sospiro dentro a un corpo solo?
Se apro le braccia volo.

Antonio mi fai benissimo
Antonio mi fai benissimo
Un bene così
Ma non chiedermi perché successo
L’amore ti succede senza spiegazioni
Esci di casa dispari
E ritorni pari
Minore di tre

Tu, nell’alba che non si dimentica
L’eco infinita che fa un bacio
Quando esplode in una vita vuota
Sembra meravigliosa!
Tu, il battito che non rallenta mai
Quanto rumore fa un sospiro dentro a un corpo solo?
Se apro le braccia volo.

Se apro le braccia volo
Se apro le braccia volo

Tu e il tempo è tutto un istante
Non è mai l’ora di lasciarsi a solitudini violente
E fingere che non fa niente
Tu, la mia preghiera costante
Lo sai che ce la faccio sempre
E corro il rischio di cadere e farmi male
E farmi male e farmi amare.

Antonio, lo sai benissimo, mi piaci tu.

Cade giù dal sole un raggio pieno di grazia
Un’apparenza di felicità
Sono pietra lavica i tuoi occhi
Mi bruci, mi allontano e sono sempre qua
E poi ho dovuto scegliere
Di rinunciare a tutto di te
Ma proverò a difendere
lo stretto necessario per me

Le facciate mai finite
Le madonne chiuse in una teca
Le tende spiegate
Casa mia sembra una nave
Lo stretto necessario
Le vacanze al Lido Jolly
Le campagne in fiamme
I primi baci
Gli atti di dolore
I panni stesi ad asciugare al sole
Lo stretto necessario

Nasce tra il cemento
Un fiore pieno di rabbia
Una parentesi di rarità
Dolce come zagara la via del ritorno
Di chi parte e resta sempre qua
Perché ho dovuto perderti
Per ritrovare il bello di te
Ma proverò a difendere
Lo stretto necessario che c’è

Le facciate mai finite
Le madonne chiuse in una teca
Le tende spiegate
Casa mia sembra una nave
Lo stretto necessario
Le vacanze al Lido Jolly
Le campagne in fiamme
I primi baci
Gli atti di dolore
I panni stesi ad asciugare al sole
Lo stretto necessario

Ho aperto gli occhi un giorno di sole
Li ho buttati contro un cielo azzurro
Contro un cielo terso
Avevo dentro un universo
Ma non avevo più te
Io non avevo più te

Che dura la morte
Quanto è feroce la morte
Degli altri
Della mia non mi accorgerò

Com’è stato possibile
Com’è stato possibile
Com’è stato possibile
Non pensarti più

Com’è stato possibile
Com’è stato possibile
Continuare a vivere
Senza di te

NEL CAOS DI STANZE STUPEFACENTI

Mi si legge in fronte
Il caos che ho dentro
Si sente forte
Il caos che ho dentro

Mi porto fino alla fine del mondo
Voglio andare più a fondo
Voglio le ali pensieri su cui volare
Dove non so toccare la terra è distante

Questo pianeta
Dalla mia amata meta
Meta di me non sa più dove vorrebbe andare
L’altra vuole restare

Mi si legge in fronte
Il caos che ho dentro
E si sente forte
Il caos che ho dentro

E passa il tempo a passo svelto
e noi senza risposte
le domande
un sogno che era grande
è diventato grandine
caduti al suolo come quella rondine
in questo cuore c’è disordine

Ed io credevo fossi a tanto da me
invece c’era tanto spazio tra me e te
ed io credevo fossi a tanto da me
invece c’ero solo io tra me e te

Primavera e poi il caldo estivo fra noi
l’autunno ci porterà tra le promesse d’inverno
stringiti a me se avrai freddo

E passo il tempo a fare ordine
nella stagione del rumore
evitare le parole sarebbe stato utile
invece di scagliarci come un fulmine
su di me su di te
sudo te da ogni centimetro di pelle
ma sono lacrime
malinconia di cose belle
da che eravamo wow siamo diventati caos
non è passato molto dal desiderare un ciao

Primavera e poi il caldo estivo fra noi
l’autunno ci porterà tra le promesse d’inverno
stringiti a me se avrai freddo
Ed io credevo fossi a tanto da me
invece c’era tanto spazio tra me e te
ed io credevo fossi a tanto da me
invece c’ero solo io tra me e te

Primavera e poi il caldo estivo fra noi
l’autunno ci porterà tra le promesse d’inverno
stringiti a me se avrai freddo

Ora è più di un’ora
Che aspetto ai bordi della sera
A letto no
Non arrivi ed io non mi stupisco
No, non avvisi ed io che fischio il rischio

Ora è più di un’ora che aspetto ancora e parlo sola
E tu no
Questo gioco vale la candela? No
Questo fuoco brucia nell’attesa? No
Ho esaurito tutta la pazienza

Aspetto senza
Aspetto senza

Maledetto, maledetto
Non te ne frega proprio niente
Che sia una ora od un’istante sembra poco rilevante
Maledetto
Me l’hai detto tu
Che vuoi baciarti per le sette
A mezzanotte pugni chiusi e di carezze non ne ho avute
Di carezze non ne ho avute

Ora il giorno vola
E ho i postumi dell’altra sera
Sarà vera questa storia che mi hai dato buca?
Spera che non mi abbia già lasciato un buco
Scema per la scena di esserci caduta
Anche se poco è stato troppo

Maledetto, maledetto
Non te ne frega proprio niente
Che sia una ora od un’istante sembra poco rilevante
Maledetto
Me l’hai detto tu
Che vuoi baciarti per le sette
A mezzanotte pugni chiusi e di carezze non ne ho avute
Di carezze non ne ho avute

Che sia il giorno o la notte
Un dolore dal niente
Possa tornarti indietro
Questo mancato incontro
Che sia lieve o feroce
Quando aspetti l’amore
Possa tardare a lungo
Sentirai la mia voce
Maledetto, maledetto
Non te ne frega proprio niente
Che sia una ora od un’istante sembra poco rilevante
Maledetto
Me l’hai detto tu
Che vuoi baciarti per le sette
A mezzanotte pugni chiusi e di carezze non ne ho avute
Di carezze non ne ho avute

Sogno
La pace nel mondo
Ma a casa sono brava a far la guerra
La storia è sempre quella
Noi siamo tutti uguali ma il colore della pelle conta
Se parte la rivolta
Combatto con lo scudo dello schermo
Le armi da tastiera
Il giorno sto in trincea, lancio opinioni fino a sera

Non me ne frega niente, se mentre
Rimango indifferente il mondo crolla e non mi prende
Non me ne frega niente, se mentre
La gente grida aiuto io
Prego non capiti a me
Non me ne frega niente di niente

Scorrono immagini porno
Mi scandalizzo, inizia la bufera
Codardo chi non c’era
A scrivere sul diario da che parte sta la verità
Je suis Paris madame
Ma in piazza scendo solo per il cane
Non mi vogliate male
Ho sempre poco tempo per lottare senza il modem

Non me ne frega niente, se mentre
Rimango indifferente il mondo crolla e non mi prende
Non me ne frega niente, se mentre
La gente grida aiuto io
Prego non capiti a me
Non me ne frega niente se spente
Le luci tutto quello che succede non si vede
Non me ne frega niente di niente
Se il mondo crolla non mi prende

Il mondo crolla e non mi prende
Se il mondo crolla non mi prende

Non me ne frega niente, se mentre
Rimango indifferente il mondo crolla e non mi prende
Non me ne frega niente, se mentre
La gente grida aiuto io
Prego non capiti a me
Non me ne frega niente se spente
Le luci tutto quello che succede non si vede
Non me ne frega niente di niente
Niente di niente
Niente di niente

Mi chiami nel mezzo della notte
Si spostano le cose
Cambia il tempo il cielo cade come intonaco
Rimpiangi giorni in cui le ore
Passavano leggere e le parole non servivano a spiegare nulla
Più conta i miei ricordi sono colla
Si attaccano alla pelle dammi indietro le mie favole
Se il male di me
C’ero io fra le tue lacrime
Come hai fatto a non accorgerti dov’ero
Al fianco del guerriero fiero
Rimani sul bordo di un bicchiere
Ricordo di un errore
La fatica di spostarmi dal tuo stomaco
Rimetti in castigo i desideri
Riportati dov’eri
Quando il sole non bussava alla tua porta chiusa
Nulla più conta i miei ricordi sono colla
Si attaccano alla pelle
Dammi indietro le mie favole
Se il male di me
C’ero io fra le tue lacrime
Come hai fatto a non accorgerti dov’ero
Al fianco del guerriero fiero
Ai sospiri addio saprò dire io
Voltati e in un attimo sarò scomparsa via
Tra le pieghe del tuo cuore
Senza più paure
ll male di me
C’ero io fra le tue lacrime
Come hai fatto a non accorgerti dov’ero
Al fianco del guerriero fiero
Del guerriero fiero
E quel guerriero ero

Gesù cristo sono io
Tutte le volte che mi hai messo in croce
Tutte le volte che sei la regina
E sulla testa solo tante spine

Gesù cristo sono io
Per le menzogne che ti ho perdonato
E le preghiere fuori dalla porta
Per il mio sacro tempio abbandonato

Confessa che sei il demonio nella testa
Che mi trascina sempre giù
Confessa
Che il paradiso non mi spetta
Che non mi sono genuflessa
Che non mi sono genuflessa
Che da te risorgo anch’io

Gesù cristo sono io
Moltiplicando tutta la pazienza
Avrò sfamato te e la tua arroganza
Forse ti ho porto pure l’altra guancia
Gesù cristo sono io
Che di miracoli ne ho fatti tanti
Ti ho preso in braccio e ti ho portato avanti
Ma tu ricordi solo i miei peccati
Confessa che sei il demonio nella testa
Che mi trascina sempre giù
confessa
Che il paradiso non mi spetta
Che non mi sono genuflessa
Che non mi sono genuflessa
Che da te risorgo anch’io

Per tutte le spine del mondo
I chiodi piantati nel cuore
Questo è il mio sangue, questo è il mio corpo
Li porto via amore
Per tutte le spine del mondo
I chiodi piantati nel cuore
Questo è il mio sangue, questo è il mio corpo
Li porto via amore

Confessa che sei il demonio nella testa
Che mi trascina sempre giù
confessa
Che il paradiso non mi spetta
Che non mi sono genuflessa
Che non mi sono genuflessa
Che da te risorgo anch’io

Qualcuno un bel giorno ti salverà da qui
Portando nel mondo
I tuoi occhi spenti

Fidati di me, fidati di me davvero
Ci girerà la testa
Ma ti giuro non cadremo
Fidati di me
Fino a quando ci riesco
A farti ridere
Per tutto il tempo in cui ti tengo
Stretto a me

Qualcuno nel mondo
Non sa di attenderti
Mistero profondo
Di percorsi ciechi
Sotto questi cieli

Fidati di me, fidati di me davvero
Ci girerà la testa ma ti giuro non cadremo
Fidati di me fino a quando ci riesco
A farti ridere
Per tutto il tempo in cui ti tengo
Stretto a me
Oltre i sogni infranti
Di chi ha perso tanto
Troverai il tuo posto
Diverrai diamante

Fidati di me, fidati di me davvero
Ci girerà la testa ma ti giuro non cadremo
Fidati di me fino a quando ci riesco
A farti ridere per tutto il tempo in cui ti tengo
Stretto a me
Stretto a me

Un altro addio
cadere nell’oblio
cercarsi per un po’ nel whisky di un bistrot
dove si va senza un’idea, dove si va domenica
un giorno in più pensando a chi eri tu
cercando di capire cosa sono io
come si fa di lunedi come si fa se resti qui
un giorno qualunque mi ricorderò
di dimenticarti dentro ad un cestino

Tu sei un pezzo di me
sei un pezzo di me
sei un pezzo di me

E’ martedì, la vita va così
un giorno tocchi il cielo
e l’altro giù nel cesso
che sarà un coca e rum
lo dico qua non bevo più
tre giorni e poi subito il weekend a ricordare noi nel film di via col vento
me ne infischio dici a me
domani è un altro giorno dico a te

e poi all’improvviso
mi ricorderò
di dimenticarti
dentro a un cestino

Tu sei un pezzo di me
sei un pezzo di me
sei un pezzo di me

Sei un pezzo di me
sei un pezzo di me
sei un pezzo di me

scivola come immergere il sapone
vuoi darmela a bere la tua vanità
goccioli charme e non mi va di infradiciarmi l’anima
tu che ti lagni dei miei pochi impegni in tema di premure e di filosofia
ma non mi sfiora più un istante
neanche l’idea di chi tu sia

Un giorno qualunque ti ricorderò
ti dimenticarmi dentro un cestino

Tu sei un pezzo di me
sei un pezzo di me
sei un pezzo di me
Sei un pezzo di me
sei un pezzo di me
sei un pezzo di me

Rosa o blu
Rosa o blu
dai un bacio a chi vuoi tu
Mostrati per ciò che sei
Non restare nascosto.

Osa tu
Osa tu
Come non hai fatto mai
Portati dove saprai
Di trovare il tuo posto.

Sei come sei
Chissà chi sei se non lo sai
Ma sii quello che vuoi
Saremo liberi di essere noi

Dormi tu
Dormi tu
Con il rosa o con il blu
Che colori sceglierai
Per dipingere il mondo
Non curarti di chi poi
Di ferire ha bisogno

Sei come sei
Chissà chi sei se non lo sai
Ma sii quello che vuoi
Saremo liberi di essere noi

Noi
Noi
Noi

Di essere.

Specchio, specchio
Mio riflesso parlami
Riconosco i tratti, siamo simili
Nel complesso ho già raggiunto il limite
Non credevo fosse mai possibile
Svegliarsi la mattina senza ricordare un sogno

Salvami dalle mie mille me
Portami lontano mille miglia via da me
Lasciami tra le mie mille me
Lasciami mostrare tutte le mie mille me

Resto spesso al tuo cospetto a chiedermi
Il prezzo da pagare per difendermi
Dalle opposizione delle mie metà
Stare in equilibrio dentro la realtà
Vagare nella notte senza mai trovare sonno

Salvami dalle mie mille me
Portami lontano mille miglia via da me
Lasciami tra le mie mille me
Lasciami mostrare tutte le mie mille me
Salvami dalle mie mille me
Portami lontano mille miglia via da me
Lasciami tra le mie mille me
Lasciami mostrare tutte le mie mille me

Dove mi trovo adesso
C’è un labirinto immenso
Ma vedo il cielo da quaggiù lo stesso

Salvami dalle mie mille me
Portami lontano mille miglia via da me
Lasciami tra le mie mille me
Lasciami mostrare tutte le mie mille me
Salvami dalle mie mille me
Portami lontano mille miglia via da me
Lasciami tra le mie mille me
Lasciami mostrare tutte le mie mille me

Vai, vai e non tornare mai, mai
Presto si è fatto tardi
Ho corso incontro a nuovi sguardi
La prima vera volta non si scorda mai, mai
Penso che ho perso gli anni
A preoccuparmi dei tuoi sguardi
E adesso so guardarmi anche da sola
Sola
Sentivo le ali
Sospesa nell’idea che non mi ami
E non arriverà mai domani
Resto o me ne vado
E se non torni non avrò paura
Esco dai labirinti
Forse il tempo degli istinti
Estinti prima di essere esistiti, mai mai
Riesco ad andare avanti
Senza il peso dei rimpianti
So camminare a un palmo da te, ora, ora
Sentivo le ali
Sospesa nell’idea che non mi ami
E non arriverà mai domani
Resto o me ne vado
E se non torni non avrò paura
Sentivo le ali
Sospesa nell’idea che non mi ami
E non arriverà mai domani
Resto o me ne vado
E se non torni non avrò paura
Presto, si è fatto tardi
Ho corso incontro a nuovi sguardi
La prima vera volta non si scorda
Mai, mai
È quello che mi dà
Il desiderio che ho di te
Il mondo non riesce a prendermi
E non respiro mai
Oltre al confine dei tuoi occhi
La realtà soffia fino a spegnermi
E il nero prende forma
Il senno perde il sonno
Inciampo sui miei sbagli e torno a ricercarti
Che cosa ho fatto di male per meritarmi questa fame, di te
Cos’avrò fatto di male per meritarmi questa fame di te, di te, di te, di te
La gioia che non ho
Se perdo il gusto e non mi va
Andiamo a fondo fino a perderci
Che morsi che darei
A questa vita scivolosa
Ma se non osi e sei noioso sai
E il nero prende forma
Il senno perde il sonno
Inciampo sui miei sbagli e torno a ricercarti
Che cosa ho fatto di male per meritarmi questa fame, di te
Cos’avrò fatto di male per meritarmi questa fame di te, di te, di te, di te
Oh, ah, di tua bontà mi nutro, ah
Oh, ah, di te finisco tutto, ah
Che cosa ho fatto di male per meritarmi questa fame, di te
Cos’avrò fatto di male per meritarmi questa fame di te, di te, di te, di te
Oh, ah, di tua bontà mi nutro, ah
Oh, ah, di te finisco tutto, ah
Di tua bontà mi nutro
Di tua bontà mi nutro
Di tua bontà mi nutro

ABBI CURA DI TE

Ho preso a morsi il cuore di un altro per averti
per dimostrarti che son coraggiosa ho chiuso gli occhi
oooh, oooh, ooaaah
Ho messo tutto dentro ad un sacco per averti
mi sono trascinata via dalle certezze

le lacrime non macchiano
non se ne accorgerà nessuno
che ho pianto come un cane per averti

Ora dietro a fili d’erba con la faccia scoperta
i doni della vita non finiscono mai
Ora dietro a fili d’erba con il cuore per terra
Felici che la vita si sia accorta di noi

Ho tamponato e distrutto l’auto per averti
perché guidavo, ti pensavo e ho chiuso gli occhi

Ho speso in trucchi tutti i miei soldi per averti
per esser bella e cancellare i miei difetti

le lacrime non macchiano
non se ne accorgerà nessuno
che ho pianto come un cane per averti

Ora dietro a fili d’erba con la faccia scoperta
i doni della vita non finiscono mai
Ora dietro a fili d’erba con il cuore per terra
Felici che la vita si sia accorta di noi

Ora dietro a fili d’erba con la faccia scoperta
i doni della vita non finiscono mai
Ora dietro a fili d’erba con il cuore per terra
Felici che la vita si sia accorta di noi

Prendi tutto quello che ho
Crollami addosso
E quel che posso
E quel che mostro
E qualche mostro mi dirà che
Noi non ci avremo mai

Prendi tutto quello che ho
Che non mi importa
un po’ alla volta
Fai la scorta
E sarò pronta
Ad ogni impronta
che poi mi lascerai

Puoi starmi a sentire
Avrei poche cose da dire

Non sei stato mio e mai mio sarai
Tra questa gente
Tutto il bello
Tutto il buono
Porto via nel mentre
Caro amore ciao
Per sempre

Prendi tutto quello che ho
Anche se è poco
O vale niente
Lascia il mondo indifferente
Chissà se un giorno lo userai
Prendi tutto quello che ho
Cemento e seta
E sarò pietra e sarò lieta
E sarò grata nell’avere
Quello che non mi dai

Puoi starmi a sentire
Avrei poche cose da dire

Non sei stato mio e mai mio sarai
Tra questa gente
Tutto il bello
Tutto il buono
Porto via nel mentre
Caro amore ciao
Per sempre

Non sei stato mio e mai mio sarai
Tra questa gente
Tutto il bello
Tutto il buono
Porto via nel mentre
Caro amore ciao
Per sempre

Ovunque andrai abbi cura di te,
cura dei tuoi guai
Io ti ricorderò
tra i miei desideri e i sogni che
la notte porta e il giorno non cancella
mai

Un giorno poi abbi cura di me,
cura di noi
per ogni passo che ho fatto per venire fino a te
per quelli che farei, per quelli che farò
per non stancarmi mai,
mai

E chiamami amore, senza tremare
saremo anche banali
ma che nome dare a questo vortice che porto al cuore?
Ancora
chiamami amore e ci faremo male
ma che cosa vale vivere tra le paure senza avere mai il coraggio di rischiare?

Amore…

Difenditi!
Il vento soffia, sposta il tempo, il tempo soffierà su te
per ogni volta che abbasserai lo sguardo
senza più chiedere perché, chiedere di me
tu non scordarti mai, mai, mai, mai…
E chiamami amore, senza tremare
saremo anche banali
ma che nome dare a questo vortice che porto al cuore?
Ancora
chiamami amore e ci faremo male
ma che cosa vale vivere tra le paure senza avere mai il coraggio di rischiare? Amore…

Segui la parte sinistra, il battito lento, l’istinto che sia
Segui le orme dorate, i cieli d’argento, non perderti via

Ti ho visto sulla sabbia
sotto il sole, c’era tanto mare
il bagno non si fa.

Tu con i tuoi castelli
io facevo buche da ogni parte
dov’è la novità?

Ma dai giochiamo insieme
non ho paletta e secchio
i miei fratelli nuotano
e tu mi piaci per davvero.

Dimmi quanti anni hai
quante lettere ha il tuo nome
Io so fare la ruota
Dimmi quanti anni hai
ho già stretto la mia mano ad un compagno di scuola.
Rivisto ad una festa delle medie
mi batteva il cuore, e siamo ancora qua
Bacio, Carezza o Schiaffo
la bottiglia punta su quell’altro…
il giro si rifà.
Ma dai balliamo insieme
mi piace questo lento
i tuoi occhi belli sfuggono
e tu… mi piaci per davvero!

Dimmi quanti anni hai
quante lettere ha il tuo nome
Io so fare la ruota
Dimmi quanti anni hai
ho già stretto la mia mano ad un compagno di scuola.

Vincerò le mie paure
indosserò l’armatura migliore
in punta di piedi
con mille guerrieri
ed in gola il cuore.

Piangerò lacrime asciutte
perché la corazza rimanga intatta
giù in fondo all’inferno
o su in alto nel cielo
con la schiena dritta.

Da quanto ti volevo?
Ti ho cercata dentro me e nel mondo.
Da quando ti volevo
Ti ho trovata, eccoti felicità.

Scalerò le montagne
con il vento in faccia
ed il sole alle spalle
sfidando i nemici
che restino vivi
mi daranno forza.

Resterò l’unico mostro
da battere a colpi di carta e di inchiostro
la mia antagonista porta il mio nome
che vinca il migliore.

Da quanto ti volevo?
Ti ho cercata dentro me e nel mondo
Da quando ti volevo

Ti ho trovata, eccoti felicità.

Tra le cose che non ho
tra le cose che vorrei
nel cassetto dei miei sogni
c’era sempre stata lei
a difendermi dai guai
a restare calma
ora che sei andata via io non so più
contare fino a dieci, contare fino a dieci

Tra le cose che non ho
tra le cose che vorrei
c’è la forza di ignorarti
senza scivolare mai
l’importanza che non hai
quella che non ti darò
per restare salda e dimostrarti che so
contare fino a dieci, contare fino a dieci

Non voglio più buttarmi via
e spaccarmi il cuore con la testa
costa!

Non voglio più lasciarti entrare
puoi restare in fondo a destra
smetti quanto prima di sprecare la saliva, oh!

Tra le cose che vorrei
c’è comprendere il perché
devi vomitare le tue frustrazioni su di me
tutto il tempo che mi dai
tutto il tempo che non ho
per mangiar la foglia
e dimostrarti che so
contare fino a dieci, contare fino a dieci

Non voglio più buttarmi via
e spaccarmi il cuore con la testa
costa!
Non voglio più lasciarti entrare
puoi restare in fondo a destra
smetti quanto prima di sprecare la saliva, oh!

Mi scoppi nella testa
che differenza c’è tra il male che mi fai,
il male che mi dai,
il male che vuoi?

e se la storia è questa
lo so, ne morirei
per poi contare i punti
prendere appunti
restare fuori dai riassunti

sei libero di andare
ma forse ti trattengo un pò
sei libero di andare
ma forse ti ho inchiodato al muro
dei miei pianti, che rimpianti
tutti i santi giorni
tutti i santi giorni

mandi all’aria gli equilibri e già sai
che rimani in piedi in questo via vai
di velocità, di velocità, di velocità
mandi all’aria i desideri e già sai
che rimango in bilico nel via vai
di velocità, di velocità, di velocità

ma quale guerra è questa
parole come lame
taglienti come spade
pezzi di vetro sui quali mi fai camminare
sei libero di andare
ma forse ti trattengo un pò
sei libero di andare
ma forse ti ho sognato a lungo nelle notti
che nei santi giorni sembra di vederti

tutti i santi giorni
mandi all’aria gli equilibri e già sai
che rimani in piedi in questo via vai
di velocità, di velocità, di velocità
mandi all’aria i desideri e già sai
che rimango in bilico nel via vai
di velocità, di velocità, di velocità.

Legherò le lenzuola
una ad una fino a te
primo piano come l’Everest.
Sedici anni e la testa giù nel cuore
sto arrivando amore
Portami con te
questa notte che
non ho più paure
Portami con te
questa notte che
non ho più parole

Pregherò queste mura
che sia vera la realtà
dove andiamo?
Cosa importerà
Tutti i giorni una festa giù nel cuore
sei felice amore?
Portami con te
questa notte che
non ho più paure
Portami con te
questa notte che
non ho più parole

Vuoi tu prendere
come tua legittima sposa
la qui presente
per amarla, onorarla e rispettarla
in salute e in malattia
in ricchezza e in povertà
finché morte non vi separi?

E lasciami finire
lasciami toccare il fondo
per ritornare a galla
che respirare sembra un sogno

lasciami capire
che indietro non si torna neanche
per prendere rincorse
non dirmi ancora “forse”

E lasciami cadere
lasciami cadere via da
dalle tue mani grandi
ti ostini a strangolarmi

Qui dove non ci si fa più un’idea
dove i muri si fanno più bianchi
appeso assieme a quattro quadri.

Qui dove il tempo non vola da un po’
voglio farcela senza di te.

Devi
lasciarmi
andare
ora.

E lasciami sentire
che posso amare ancora molto
che i buchi che ho nel cuore
son stemmi di cui andare fiero

E lasciami finire
in fondo ad un sentiero
per ritrovar da solo
la strada come un vero uomo

E lasciami l’orgoglio
la dignità di cui ho bisogno
le trovi nel cassetto
le cose che hai lasciato da quel giorno

Qui dove non ci si fa più un’idea
dove i muri si fanno più bianchi
appeso assieme a quattro quadri.

Qui dove il tempo non vola da un po’
voglio farcela senza di te.

Devi
lasciarmi
andare
ora.

Finché avrò le forze
non lascerò che entrino i ladri
a rubarmi l’amore

Finché avrò la voce
canterò tanto da scordare il mondo
che mi vuole male

Perché mi amo
e non importa se ridi di me
Sì, mi amo.
Anche quando vorrei non svegliarmi
e distruggere i sogni, nascondermi dietro ai racconti.

Nulla è più contorto
di un’anima in pena
che cerca il sereno nel buio profondo

Io, troverò la luce
tra streghe cattive
e quei cuori ingrati dei lupi affamati.

Perché mi amo
e non importa se ridi di me
Sì, mi amo.

Anche quando non so sopportarmi
Io mi amo
e non importa se ridi di me
Sì mi amo
Anche quando vorrei non svegliarmi
e distruggere i sogni, nascondermi dietro ai racconti.

È il tempo che mi manca un po’
Ho scelto di dividerlo
Distante da mediocrità
Dal party del tuo amico
Che mi sta come quel dito in
Ahi ahi ahi ahi ahi
Dei blah blah blah e mondanità
Non saprei farmene di più
Che constatare insicurezze
Fragili facciate da psicologie freudiane
Ahi ahi ahi ahi ahi
Non se ne può più del vostro ego
E basta con le pose plastiche ed I proforma
I sorrisi indossati all’occorrenza, la riverenza
È la voglia che mi manca poi
Di ascoltare I soliti cliché
Sgomitare per un posto tra
Celebrità in disgrazia dei preziosi anni novanta
Ahi ahi ahi ahi ahi
Trovo altre sì anacronistici
I segreti per divertirsi qui
In che modo riesco a sorprendermi?
Mi sento un po’un alieno
Vi saluto da lontano
Ahi ahi ahi ahi ahi
Non se ne può più del vostro ego
E basta con le pose plastiche ed I proforma
I sorrisi indossati all’occorrenza, la riverenza
E basta allo sguardo borioso della festa
Il martello che manca da dare in testa, contessa
E basta con le pose plastiche ed I proforma
I sorrisi indossati all’occorrenza, la riverenza
E basta, e basta, e basta
Con le pose plastiche
Ho promesso che non avrei pianto
E non piangerò
Il tuo treno è in stazione
Hai il vestito migliore
Se trattengo le lacrime
Giurami ritornerai
Ho provato a baciarti
Ma non apri più gli occhi
E dentro di me
C’è una musica insistente che fa
Uh ah, uh ah la la la
Uh ah, uh ah la la la
Disperandomi in corsa sul treno
Non salirò
Ho un biglietto per viaggi
Limitati all’inferno
Nel voltarmi le spalle la vita
Ti porta via
Senza chiedere scusa
Non si torna più indietro
E dentro di me
Come ieri
C’è una musica che fa
Uh ah, uh ah la la la
Uh ah, uh ah la la la
Uh ah, uh ah la la la
Uh ah, uh ah la la la, la la la

MANUALE DISTRUZIONE

Non è, non è dolce

Non è, non è dolce

Cadere nel fango

Di faccia a terra

E perdere il senso di una vi, di una vita intera

Non è, non è oltre

Dove muore il sole

È dentro ai tuoi occhi

È scritto a penna

Su un diario invecchiato di una vi, di una vita intera

Si sa che non stai bene

Si sa che vuoi stare male

Non è più dolore

Mostra ferite nuove

Sei persa nei buchi

Rialzarsi pesa

La gravità impone

Una vi, una vita a terra

Si sa che non stai bene

Si sa che vuoi stare male

Io, che non sapevo niente dell’odio e dell’amore

Ho fatto in fretta ad imparare

Com’è che scoppia il cuore

Come mi scoppia il cuore

E poi via, sparso nell’aria fluttua e va la fonte dei miei guai

Ma no, non vedi come scende

No, non vedi come cade giù

Non è polvere di stelle, non è neve no, non è Gesù

No, non vedi come scende

No, non vedi come cade giù

Non è polvere di stelle, non è neve no, non è Gesù

Io, che non credevo affatto si respirasse dopo

Mi abbaglia ancora adesso quell’esplosione al petto

Che non fa mai rumore

Ma no, non vedi come scende

No, non vedi come cade giù

Non è polvere di stelle, non è neve no, non è Gesù

No, non vedi come scende

No, non vedi come cade giù

Non è polvere di stelle, non è neve no, non è Gesù

Con gli occhi in alto, un grosso applauso è volato in aria

E che paura se cade a terra

No, è esploso prima

Ho un cuore che ha puntato tra le stelle

Ho un cuore che ha puntato tra le stelle

Eppure vivo sotto questa pelle

Ma no, non vedi come scende

No, non vedi come cade giù

Non è polvere di stelle, non è neve no, non è Gesù

No, non vedi come scende

No, non vedi come cade giù

Non è polvere di stelle, non è neve no, non è Gesù

Dove va a finire tutto l’amore di una storia d’amore?

Dove va a finire tutto il calore di una storia d’amore?

Lontano dagli occhi

Lontano dal cuore

Dove va a finire tutto l’amore di una storia d’amore?

È un po’ come morire

È stato tragico vederlo svanire

Lontano dagli occhi

Lontano dal cuore

Corre veloce e le vite si scontrano

Dalle luci dell’alba al tramonto

Ritrovarsi abbracciati per anni

E odiarsi all’improvviso

Ed io ti amavo poco fa

Pochi minuti fa ti avevo qui vicino a me

Poi siamo stati l’incrocio di due sguardi

Perfetti sconosciuti

L’amore ci ha cambiati

L’amore ci ha lasciati

Dove va a finire tutto l’amore di una storia d’amore?

I viaggi e le poesie

Dimenticati come occhiali da sole

Lontano dagli occhi

Lontano dal cuore

Corre veloce e le vite si scontrano

Dalle luci dell’alba al tramonto

Ritrovarsi abbracciati per anni

E odiarsi all’improvviso

Ed io ti amavo poco fa

Pochi minuti fa ti avevo qui vicino a me

Poi siamo stati l’incrocio di due sguardi

Perfetti sconosciuti

L’amore ci ha cambiati

L’amore ci ha lasciati

Corre veloce e le vite si scontrano

Dalle luci dell’alba al tramonto

Ritrovarsi abbracciati per anni

E odiarsi all’improvviso

Corre veloce e le vite si scontrano

Dalle luci dell’alba al tramonto

Ritrovarsi abbracciati per anni

E odiarsi all’improvviso

Eri stanco nel bel mezzo della vita

Una spina al petto

Fu la tua caduta

Con le mani giunte

Chi ti pianse al fianco?

L’ultimo saluto per vederti andare

Che ci fai qui vicino a me?

Se cielo e terra non posson toccarsi

Perché mai noi possiamo vederci?

Che ci fai qui vicino a me?

Se per questi anni passati a cercarci

Solo adesso sappiamo vederci?

Io morirei

Morirei

Io morirei

Morirei per te che il vento ha reso più distante

Dove le margherite sono salve

Io morirei

Morirei

Io morirei

Morirei per te che il vento ha reso più distante

Dove le margherite sono salve

Perse le speranze

Ci si spinge avanti

Era un freddo giugno

Sotto il sol cocente

Avrei riso a lungo di quei bei ricordi

Suonerà la banda

Per vederti andare

Che ci fai qui vicino a me?

Se cielo e terra non posson toccarsi

Perché mai noi possiamo vederci?

Che ci fai qui vicino a me?

Se cielo e terra non possono toccarsi

Dove sono se posso vederti?

Io morirei

Morirei

Io morirei

Morirei per te che il vento ha reso più distante

Dove le margherite sono salve

Io morirei

Morirei

Io morirei

Morirei per te che il vento ha reso più distante

Dove le margherite sono salve

Io morirei

Morirei, io

Ci son stati bei momenti

Adesso ci troviam davanti

Un posacenere stracolmo

Piatti e tazze da lavare

Abbiam visto tante cose

Adesso la persiana è rotta

Troverò un giornale

Qualche cosa da guardare alla Tv

Che dejà vu

Ti ho visto sbadigliare

A me sembrava bellissimo

Quel silenzio catartico

A guardare le stelle

Aspettarle cadere

Poi cercarsi la pelle

Senza trovarsi mai

Nella quiete della stanza

L’eco dei respiri e basta

Non c’è più da fare

In questa casa che ci crolla addosso

E noi ancora alla Tv

Che dejà vu

Ti ho visto sbadigliare

A me sembrava bellissimo

Quel silenzio catartico

A guardare le stelle

Aspettarle cadere

Poi cercarsi la pelle

Senza trovarsi mai

Con le braccia conserte per scaldarsi il cuore

A me sembrava romantico

Quel silenzio catartico

A guardare le stelle

Aspettarle cadere

Poi cercarsi la pelle

Senza trovarsi mai

E ancora sbadigliare

Con le braccia conserte

Per scaldarsi il cuore

A me sembrava romantico

Quel silenzio catartico

Anche senza le stelle

Ascoltarsi tacere

Poi sfiorarsi la pelle

Senza lasciarsi mai

Con le braccia conserte

Per scaldarsi il cuore

Sorrido

Davanti allo specchio

E i miei occhi son tristi

Lo ammetto

Riflettono il vuoto che ho intorno

Da che non ci sei

“Bugiardo”

Al sorriso gli disse lo sguardo

Lui rispose

“È un duro mestiere, lo devo pur fare!

Stringere i denti per non morire”

E poi mi sento

Come quando fuori piove

E resto sola qui intorno

Mentre cerco la strada per tornare a te

Come quando fuori piove

E resto ancora in ascolto

Per sentirti urlare che non vuoi parlare

Che ti faccio male

E fai a meno di me

Cammino

In mezzo alla gente e son sola

Inciampo in un altro che non ti somiglia nemmeno un po’

E nemmeno un po’ mi consola

Le pacche, le carezze, gli abbracci

E le balle

Tutti dicono di andare avanti

E il mio andare avanti è un tornare indietro per ritrovarti

E poi mi sento

Come quando fuori piove

E resto sola qui intorno

Mentre cerco la strada per tornare a te

Come quando fuori piove

E resto ancora in ascolto

Per sentirti urlare che non vuoi parlare

Che ti faccio male

E fai a meno di me

Fai a meno di me

Come quando fuori piove

E resto sola qui intorno

Mentre cerco la strada per tornare a te

Come quando fuori piove

E resto ancora in ascolto

Per sentirti urlare che non vuoi parlare

Che ti faccio male

E fai a meno di me

Come sto?

Meglio di no

Ho infilato la testa sott’acqua

La storia è più forte di ieri

Ma va bene così

Tra mezz’ora poi passa

Sono stupidi quelli che pensano che sia tutto uguale a ieri

Anche i miei desideri

E mi regalerò

A Natale

L’album delle figure di merda che tu mi hai fatto fare

Proverò anche così

Con i denti stretti

Sei sempre la cosa più in alto tra quei buchi neri

Dei miei desideri

In due minuti di sogno forse arriverò

In due minuti di sogno forse arriverò

Di sicuro no

Ma ci spero

Di smetterla di chiedermi cos’è vero

O nero

In due minuti di sogno forse arriverò

In due minuti di sogno forse arriverò

In fondo al Messico

Mai, mai, mai mi perdonerei

Mai ho tagliato i capelli da sola

Mai mi sento una persona nuova

Ho messo le scarpe da sera

E sembrerò seria e sembrerò in vena

Shalalà che gioia mia dà

Stare in mezzo alla ressa

Si parla di festa

Berrei volentieri un caffè

Mi pestano i piedi da un’ora

Ho le scarpe da sera ma non sono in vena

Corre l’anno 2013

In mano alcolici

E niente più

Che vita di merda

Ma che cosa c’entra il bon ton?

Ho riso per forza

Ho rischiato di dormirti addosso

Stronzo, tanti auguri ma non ti conosco

A, E, I, O, U, Y

E ora parte il trenino mi butto al binario

Guarda là, c’è uno in mutande e papillon

Dov’è il proprietario di casa?

L’imbarazzo è palese ma sono cortese

Corre l’anno 2013

In mano alcolici

E niente più

Che vita di merda

Ma che cosa c’entra il bon ton?

Ho riso per forza

Ho rischiato di dormirti addosso

Alfonso, tanti auguri ma non ti conosco

Tanti auguri ma non ti conosco

Che vita di merda

Ma che cosa c’entra il bon ton?

Ho riso per forza

Ho rischiato di dormirti addosso

Alfonso, tanti auguri ma non ti conosco

Io non so se questo è amore

Se batte forte il cuore

Se volano farfalle nello stomaco

Io non so parlare bene

Sprecare il fiato non conviene

Il cuore segue logiche contrarie a noi

Baciarti, sconosciuto, farebbe di me una ragazza fragile

Ma io ci provo adesso

Adesso sono qui

Domani ho il tempo per pentirmi

Io lo so, creo confusione

Se limitassi l’emozione

Avrei senz’altro un volto meno stupido

Correrò coi sentimenti

Sapresti fare tu altrimenti

Il cuore segue logiche contrarie a noi

Baciarti, sconosciuto, farebbe di me una ragazza fragile

Ma io ci provo adesso

Adesso sono qui

Domani ho il tempo per pentirmi

Sono cose che no, non ho avuto mai

Quelle cose che, solo a immaginarle mi vien da vomitarle via

Sono cose che no, non ho avuto mai

Quelle cose che chiamano farfalle

Sapessi soffocarle io, nel mio stomaco

Sono cose che no, non ho avuto mai

Quelle cose che, solo a immaginarle mi vien da vomitarle via

Sono cose che no, non ho avuto mai

Quelle cose che chiamano farfalle

Sapessi soffocarle io, nel mio stomaco

No, no, no

Non mi prenderete mai

Vivo appeso ai miei soli sogni

E corro senza meta

Senza una metà che mi compensi

Ho bisogno di sentirmi mezzo

In verità vivo tanto bene senza zucchero

Il resto è tutto un brivido

Ora no, sto lontano da quei guai

Corro a gambe levate se il tuo cuore batte

Darling, chissà se potrai mai perdonarmi

È una macchia che non lavo da anni

Guardami, no non sono l’uomo che hai creduto

Ma a modo mio ti ho quasi amato

Quanto male fa

Quella parola che non ti dirò

Un nodo in gola, una lacrima

Quanto male fa

Quella promessa che non ti farò

In bocca l’amaro

No, no, no

Non mi prenderete mai

Corro a gambe levate se il mio cuore batte

Darling, chissà se potrò mai perdonarmi

È una macchia che non lavo da anni

Guardami, no non sono l’uomo che hai creduto

Ma a modo mio ti ho quasi amato

Quanto male fa

Quella parola che non ti dirò

Un nodo in gola, una lacrima

Quanto male fa

Quella promessa che non ti farò

In bocca l’amaro

Capisco la difficoltà di viver di sogni

Osservo con invidia chi realizza i sogni

Ma questa è la guerra e combatto

E stringerò i denti finché ne avrò

Sì questa è la guerra e combatto

E stringerò i denti finché ne avrò

Duri come me, duri come me a morire

Duri come me, duri come me a morire per vivere

Duri come me, duri come me a morire

Duri come me, duri come me a morire per vivere

Ambisco alla cima più alta

Per sentirne l’eco

Astuta non son stata mai

Vivrò di rimorsi

Ma questa è la terra e la mangio

Mi pulirò i denti quando potrò

Sì questa è la terra e la mangio

Mi rialzerò in piedi quando potrò

Duri come me, duri come me a morire

Duri come me, duri come me a morire per vivere

Duri come me, duri come me a morire

Duri come me, duri come me a morire per vivere

Solo te, solo tre

Solo te e tre accordi per te

Se scendo giù, dove sei tu

Giù in cantina

In una scatola blu

In una scatola

Solo te, solo me

Quanto costa cedere

Ad un sorso di rimpianti

Per sentirsi sempre più stanchi ormai

E un po’ meno pronti

Contro me cento te

Pianger sembra facile

Vendo vento alla gente

Oltre te tutto è niente lo sai

Tutto è niente se vuoi